2018
Riccardo Bussola

Punti di vista

[Voti: 2    Media Voto: 5/5]

La vita, un concetto talmente astratto che neppure la scienza è stata in grado di spiegare. Eppure c’è, c’è e ci alimenta, c’è e ci fa muovere, ci fa amare, ci fa sognare. Ma scopo ha vivere?

Prendiamoci singolarmente, siamo un piccolo puntino nell’universo, siamo un piccolo puntino agli occhi di chi forse da lassù ci osserva con fare protettivo. Eppure puntino dopo puntino, tutti insieme diamo vita a qualcosa di straordinario, qualcosa a cui ancora comunque tutto non riusciamo a dare un senso.

Siamo protagonisti di questa vita, siamo punti di vista del mondo, siamo punti di vista di noi stessi: come pensiamo di vedere ciò che ci circonda senza vedere ciò che ci domina nell’interno di noi stessi?

Il senso in se è attribuire una funzione, uno scopo ad un qualcosa che facciamo, ad un qualcosa che viviamo. Possiamo vedere la vita come un continuo viaggio alla ricerca del senso, il nostro senso.

Ma come possiamo attribuirci uno scopo da soli? Semplice, non possiamo!

Da soli non siamo nulla, da soli siamo granelli di sabbia. Ma insieme siamo deserto, siamo la forza, siamo il punto di vista di ciò che la natura ha da offrire, punti di vista, sono loro la chiave.

Punti di vista: sono loro che danno senso ad ogni cosa, ingranaggio del mondo.

Ogni cosa, se ci pensiamo, ha i suoi punti di vista; ogni volta diversi, ogni volta mutabili, ogni volta sempre più sottili da riconoscere.

Relativi, noi siamo relativi: l’universo è relativo.

Viviamo in realtà che offrono infinite chiavi di lettura; le nostre interazioni generano altre interazione, siamo un albero, un albero che parte da un piccolo punto, da una piccola persona e si dirama all’infinito. Ma è proprio qui che arriva il bello.

Il fascino è che in ogni punto di questo albero, ogni persona interagisce con le altre: ed è tutto un gioco di prospettiva, è tutto un gioco di colori, di emozioni, di cose che vediamo e non percepiamo.

Questo è il nostro universo, fatto di schizzi di colore, di realtà nascoste, di realtà che si fanno sopraffare da mille paure…

Siamo fatti così: ma sta qui la nostra bellezza, siamo complessi, siamo figure sfumate in contrasto tra di loro, siamo la natura selvaggia unita alla calma della meditazione, siamo demoni in cerca di pace ed angeli in cerca di caos allo stesso tempo.

La nostra vita è fatta di queste cose: passiamo i giorni ad interagire tra di noi, ad immagazzinare ricordi e volti nella nostra mente, azioni ed errori, rimpianti e successo. Ed è proprio quando nulla ti sembra avere senso che bisogna fermarsi e guardarsi alle spalle, bisogna aprire un varco in se stessi perché forse a volte tendiamo a tralasciare ciò che non ci è chiaro, ciò che a prima vista ci sembra occultato.

Ogni cosa che facciamo nella vita è punto: ma solo crescendo riusciremo a capire che quei punti, uno dietro l’altro formano qualcosa, nulla da solo ha senso, nulla da solo vivrebbe, gli mancherebbero i suoi punti di vista, i riferimenti, le interazioni.

Ogni cosa che ci è stata insegnata, è solo una piccola parte di ciò che realmente poi ci aspetta nella vita vera: cambiano i punti di vista.

Prima sei giovane, poi tutto d’un tratto ti accorgi che gli anni sono passati e che dovrai dare un nuovo senso, una nuova prospettiva a ciò che vedi.

La nostra esistenza è come un bosco, una foresta piena di alberi e cose da scoprire, un nuovo mondo a cui trovare un senso: ma se il senso fosse più di uno, ci troveremo a cercare tra le infinite possibilità, tra le infinite sfumature di noi stessi, di quei colori che ci esplodono dentro e che fanno parte di noi.

Di quella parte umana solo dei punti di vista darebbero forma a un qualcosa di concreto. Ed ecco che nella foresta a 1000 facce di diamante la luce devia al centro, al punto d’origine. Ma più si va avanti e più da quel centro si aggiungono altri punti, uno dietro l’altro, in serie, in schema, con una logica dettata dalla natura.

Ma ecco che quando quei punti si uniscono tutto ci è più chiaro, la figura diventa più nitida e il senso della vita, diventa solo un unico nostro punto di vista.